Ricerca e formazione

Lab-Int –  Laboratorio INclusione e Tecnologie

logo Labint

logo Labint

«Secondo i principi raccomandati dalla Commissione Europea, ogni “prodotto tecnologico” dovrebbe essere progettato per un’utenza allargata, in modo da essere facilmente accessibile e utilizzabile dal maggior numero di persone (con o senza deficit motori, sensoriali e/o cognitivi ecc.) e limitando le logiche segreganti: in tal senso, prima ancora di essere un fatto tecnico (un insieme di norme da rispettare), l’accessibilità informatica è un indicatore generale della qualità dell’inclusione, che rileva la partecipazione e la condivisione delle iniziative e delle attività proposte; soprattutto, è una questione culturale che pone come prioritaria l’accettazione di valori condivisi di cittadinanza e parità di diritti e opportunità e, in tal senso, si configura come ricerca di soluzioni specifiche e corrispondenti ai reali bisogni del singolo».

Le opportunità offerte dall’implementazione di un’aula, dotata di postazioni di computer e adeguatamente attrezzata, non sono indirizzabili esclusivamente a studenti con disabilità o con specifici bisogni, ma a tutti coloro che desiderano, per varie ragioni, familiarizzarsi con le tecnologie o svolgere percorsi metodologici/didattici volti al potenziamento dell’inclusione sociale.

Ricerca

Il Laboratorio INclusione e Tecnologie promuove i seguenti progetti di ricerca:

  • studenti con disabilità, formazione al lavoro e tecnologie;
  • indagine esplorativa sull’utilizzo dei Piani Didattici Personalizzati per gli alunni e gli studenti con disturbi specifici dell’apprendimento;
  • screening e formazione sull’imparare a studiare. Approcci educativi inclusivi alle abilità e ai metodi di studio.

Premi e Riconoscimenti
Nell’ambito del Premio MED “Cesare Scurati” X Edizione 2014 – Summer School di Media Education (Associazione Italiana per l’Educazione ai Media e alla Comunicazione) menzione speciale a: Roberta Caldin, Roberto Dainese, Enrico Emili, Luca Ferrari, Alessia Cinotti, Giusi Zamarra e Sara Donini, per il progetto di ricerca-azione LAB-INT – “Screening e formazione sull’imparare a studiare. Approcci educativi inclusivi alle abilità e ai metodi di studio (video interviste)”.

Formazione

Il LAB-INT persegue, sostanzialmente, due linee di intervento, che si articolano in varie iniziative:

  • la prima, prevalentemente intrauniversitaria, mirata alla formazione iniziale e/o in servizio di tutti gli insegnanti e gli educatori della Facoltà di Scienze della Formazione (Laboratorio per Lauree magistrali Prospettive inclusive e tecnologie, seminari tematici ecc.).
    Rientra in tale prospettiva anche il personale universitario (docenti, studenti, personale amministrativo, altri operatori ecc.) motivato alla conoscenza delle tecnologie;
  • la seconda, rivolta al territorio, finalizzata alla costruzione di percorsi metodologici e didattici per le istituzioni scolastiche ed educative (con tutte le rappresentanze: insegnanti, alunni, personale non docente, genitori ecc.), attraverso l’individuazione e la valorizzazione di competenze già offerte da molte realtà/enti presenti nell’area regionale in un rapporto di partenariato e di collaborazione interistituzionale.

Il LAB-INT contempla sia la dimensione socializzante dell’apprendimento tecnologico che conduce a saperi ccostruiti nel confronto e nella discussione, sia quello individuale che facilita, rispetto alle conoscenze/competenze apprese, un empowerment radicato e interiorizzato.
A tal fine, si prevede la possibilità di realizzare un «accesso libero» al LAB-INT anche su richiesta individuale.